Concorso Ministero Della Cultura

Concorso pubblico, per esami, per l'ammissione di cinque allievi al 34° corso quinquennale della Scuola di alta formazione e di studio dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze, per l'anno accademico 2022-2023.

Regione: Lazio
Provincia: Roma
Comune:
Posti a Concorso: 5
Fonte: Gazzetta Ufficiale - "Concorsi ed esami" num. 38 del 13/05/2022
Scadenza Concorso: 12/06/2022

Bando Completo

IL SOPRINTENDENTE
dell'Opificio delle pietre dure

Visti:
Il regio decreto 31 agosto 1933, n. 1592 «Approvazione del
testo unico delle leggi sull'istruzione superiore» e in particolare
l'art. 142 che vieta la contemporanea iscrizione ad un corso
universitario;
La legge 20 gennaio 1992, n. 57 «Istituzione della Scuola di
restauro presso l'Opificio delle pietre dure di Firenze»;
Il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n.
487 e successive modificazioni ed integrazioni «Regolamento recante
norme per lo svolgimento di pubblici concorsi»;
La legge 5 febbraio 1992, n. 104 e successive modificazioni ed
integrazioni «Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e
i diritti delle persone handicappate»;
Il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive
modificazioni ed integrazioni «Istituzione del Ministero per i beni e
le attività culturali» e in particolare l'art. 9 che ribadisce
l'operatività delle Scuole di alta formazione e di studio;
Il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n.
445 e successive modificazioni ed integrazioni «T.U. delle
disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione
amministrativa»;
Il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e successive
modificazioni ed integrazioni «Codice in materia di protezione dei
dati personali»;
Il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive
modificazioni ed integrazioni «Codice dei beni culturali e del
paesaggio» e in particolare gli articoli 29, commi 7, 8 e 9, e 182;
Il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e successive
modificazioni ed integrazioni «Codice dell'amministrazione digitale»;
Il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive
modificazioni ed integrazioni «Tutela della salute e della sicurezza
nei luoghi di lavoro»;
Il decreto ministeriale 7 ottobre 2008, recante «Disposizioni
in materia di organizzazione dell'Opificio delle pietre dure di
Firenze» nelle more della pubblicazione del nuovo regolamento;
Il decreto ministeriale 26 maggio 2009, n. 86, attuativo
dell'art. 29, comma 7, del Codice dei beni culturali e del paesaggio,
recante il «Regolamento concernente la definizione dei profili di
competenza dei restauratori (Omissis...)»;
Il D. Interm. 26 maggio 2009, n. 87, attuativo dell'art. 29,
commi 8 e 9, del Codice dei beni culturali e del paesaggio, recante
il «Regolamento concernente la definizione dei criteri e livelli di
qualità cui si adegua l'insegnamento del restauro (Omissis...)»;
Il D. Interm. MiBAC-MIUR 30 dicembre 2010 n. 302, istitutivo
del corso di diploma accademico di secondo livello di durata
quinquennale abilitante alla professione di «restauratore di beni
culturali»;
Il D. Interm. 2 marzo 2011 «Definizione della classe di laurea
magistrale a ciclo unico in Conservazione e restauro dei beni
culturali - LMR/02»;
Il decreto soprintendentizio del 14 aprile 2011, n. 1355 e
successive modificazioni ed integrazioni recante il «Regolamento
della Scuola di alta formazione e di studio dell'Opificio delle
pietre dure di Firenze»;
Il Parere di conformità espresso, dalla Commissione tecnica di
cui all'art. 5, comma 1 del decreto ministeriale 26 maggio 2009, n.
87, ai fini dell'accreditamento dell'istituzione e dell'attivazione
dei corsi formativi dell'OPD di Firenze, in data 17 ottobre 2011;
Il D. Interm. 25 agosto 2014, che autorizza l'Opificio delle
pietre dure, all'istituzione e all'attivazione del corso di diploma
in Restauro di durata quinquennale, equiparato alla laurea, LMR/02,
in Conservazione e restauro dei beni culturali;
Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1°
dicembre 2017, n. 238, Regolamento recante modifiche al decreto del
Presidente del Consiglio dei ministri 29 agosto 2014, n. 171,
concernente il regolamento di organizzazione del Ministero dei beni e
delle attività culturali e del turismo, degli uffici della diretta
collaborazione del Ministro e dell'Organismo indipendente di
valutazione della performance, in attuazione dell'art. 22, comma
7-quinquies, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con
modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96;
Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12
dicembre 2019, n. 169, Regolamento di organizzazione del Ministero
per i beni e le attività culturali e per il turismo, degli uffici di
diretta collaborazione del Ministro e dell'Organismo indipendente di
valutazione della performance;
Il decreto ministeriale 28 gennaio 2020, Articolazione degli
uffici di livello non generale;
Il decreto-legge 1° marzo 2021, n. 22, Disposizioni urgenti in
materia di riordino delle attribuzioni dei Ministeri, art. 6, comma 1
«Ministero per i beni e le attività culturali ed il turismo è
rinominato Ministero della cultura».
Il decreto-DG-ERIC del 6 ottobre 2021, n. 281, Regolamento
delle scuole di alta formazione e di Studio del Ministero della
cultura.

Decreta:


Art. 1

Posti a concorso


È indetto, per l'A.A. 2022-2023, un concorso pubblico, per
esami, per l'ammissione di cinque allievi al 34° corso quinquennale
della Scuola di alta formazione e di studio dell'Opificio delle
Pietre Dure di Firenze, nel seguente percorso formativo
professionalizzante (da ora PFP):
PFP 4- Materiali e manufatti ceramici, vitrei, organici.
Materiali e manufatti in metallo e leghe (cinque posti).